Identificazione dei tubi: colori ed etichette

By | 2018-10-24T10:00:31+00:00 ottobre 9th, 2018|Segnaletica di Sicurezza, Segnaletica Industriale|

In un impianto industriale, poter identificare i liquidi che scorrono all’interno dei tubi è fondamentale per la sicurezza di chi lavora negli impianti e per la gestione della manutenzione ordinaria e straordinaria.

Per legge è obbligatorio indicare chiaramente sui tubi qual è il fluido che scorre al loro interno. Però non vengono date indicazioni univoche su come questo debba essere fatto. Teoricamente, qualsiasi tipo di etichettatura è consentito, purché ci sia accordo e le informazioni siano condivise.

In realtà, però, esistono delle normative che abbinano a ogni tipo di sostanza un certo colore. Le principali sono la norma UNI 5634-97 e la DIN 2403:2014.

Entrambe definiscono i sistemi di identificazione delle tubazioni non interrate che convogliano fluidi e permettono una relativa uniformità, con la possibilità anche per manutentori esterni, lavoratori appena assunti o visitatori di orientarsi anche in impianti mai visti prima.

Tabella dei colori

Per dare al tubo la sua colorazione è possibile dipingerlo con vernice colorata, comprarlo già colorato, quando possibile, oppure, per maggiore comodità, utilizzare nastri colorati, che vanno apposti in prossimità di valvole o componenti, in modo che il contenuto dei tubi sia identificabile senza possibilità d’errore.

L’importanza delle etichette per la marcatura dei tubi

I colori permettono di identificare la tipologia di liquido che scorre nei tubi: secondo la normativa UNI 5634, ad esempio, il giallo vivace identifica i fluidi pericolosi, l’arancione gli acidi, il marrone gli oli combustibili o infiammabili.

Per sapere, però, quale acido o olio combustibile scorra nei tubi è necessario applicare in aggiunta delle etichette che riportino il nome della sostanza, o scegliere etichette che hanno il colore richiesto dalla normativa.

Un altro dato importante, che sui nastri colorati viene indicato da frecce, è la direzione di scorrimento del fluido; è molto utile sapere qual è il verso di scorrimento perché in caso di necessità sarà possibile sapere quale valvola chiudere per interrompere il flusso.

Oltre a permettere di lavorare in sicurezza, l’etichettatura dei tubi permette anche di risparmiare tempo e denaro nella manutenzione.

Identificazione fluidi pericolosi

Un altro elemento che non può mancare nella classificazione dei fluidi pericolosi sono i simboli GHS (o CLP), che definiscono il tipo di pericolosità della sostanza: c’è un pittogramma per il materiale esplosivo, uno per le sostanze corrosive, uno per le sostanze tossiche e via dicendo.

Come applicare le etichette per tubazioni

Prima di incollare le etichette sui tubi è necessario seguire delle regole di buon senso, come ripulire accuratamente la superficie prima di procedere all’incollaggio. Su di un tubo non è sufficiente istallare una sola etichetta: le indicazioni devono risultare visibili da ogni lato della tubazione.

Anche a proposito della dimensione delle etichette, non esiste una regola vera e propria, ma è necessario che le scritte risultino ben visibili dalla distanza alla quale si collocherà l’osservatore.

I nastri marcatubo vengono impiegati nelle industrie, ma anche nella sala macchina delle navi e in impianti civili.

Informazioni sull’autore