Produzione e trattamenti di superficie del vetro

By | 2018-05-28T09:00:35+00:00 maggio 24th, 2018|Trattamento delle superfici|

Il vetro è tra i materiali più usati fin da tempi molto antichi. Oggi vengono realizzati trattamenti che permettono di ottenere finiture particolari.

Come si produce il vetro

All’interno delle vetrerie il vetro viene prodotto a partire da polvere di silice, carbonato di sodio, calcare e altre sostanze che vengono mescolate con acqua e con frammenti di vetro riciclato. Il tutto viene introdotto in una fornace dove le sostanze vengono riscaldate a temperature che raggiungono i 1500 °C, e portate allo stato liquido.

Nella fornace un omogenizzatore mescola il vetro fuso. Durante l’affinamento si lavora per depurare il vetro dalle impurità, aggiungendo delle sostanze affinanti che sprigionano gas. Il procedimento dura diverse ore; una volta terminata questa fase, il vetro viene colato e plasmato ancora caldo. Viene poi raffreddato progressivamente.

L’opacizzazione del vetro e i lustri: finiture superficiali particolari

Il vetro è un materiale molto versatile, utilizzato in architettura e anche nella vita quotidiana per realizzare oggetti d’uso comune come i bicchieri, ma anche soprammobili e vasi.

Grazie ai trattamenti superficiali è possibile dare finiture speciali ai pannelli in vetro, rendendoli idonei a diversi usi. L’opacizzazione, per esempio, permette di mantenere la trasparenza del pannello in vetro eliminando però la trasparenza. Per ottenere questo effetto ci sono diversi sistemi.

Un metodo fisico è la sabbiatura, che prevede che della sabbia sia lanciata ad alta velocità sul vetro; la satinatura o acidatura è invece un processo chimico che coinvolge l’acido fluoridrico.

Un altro processo al quale viene sottoposto il vetro, questa volta per abbellire vasi, bicchieri o piatti, è quello che permette di ottenere i lustri, che ricoprono il vetro di un film colorato e brillante, a volte addirittura composto da metalli preziosi.

I lustri sono preparati a base di composti con metalli preziosi, combinati con resine che permettono di formare una pellicola superficiale. Le finiture sono diverse: ci sono miscele con finiture brillanti, preparati che contengono agenti opacizzanti, altri con metalli bruniti. Ci sono anche preparati per lo spolvero fatti in oro, oro bianco o argento.

I fluidi necessari per realizzare queste particolari lavorazioni sono molto aggressivi, per questo è necessario utilizzare per il loro dosaggio delle valvole in plastica resistenti alla corrosione.

Foto: “Loud environment headphones.” – Foto: by Jan van der Heul Original uploader Kattiel at en.wikipedia. Con licenza Creative Commons ‘Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported

Informazioni sull’autore